MEDOLLAND: il 29 Marzo è stato un giorno (e una notte) di grande festa!

me01

Il 29 Marzo è appena diventata una data molto importante sul calendario del Comune di Medolla, una data che segna per tutto il paese molto di più della fine dell’inverno e l’inizio della primavera. E’ stato il giorno in cui ha inaugurato la nuova casa comunale, che torna a fornire ai cittadini finalmente un luogo solido e accogliente dove poter entrare in contatto con l’amministrazione comunale e fruire dei servizi che essa offre. Ma non solo! E’ stato anche un giorno di grande festa per grandi e piccini, con canti, balli e performance di decine di artisti.

MEDOL-LAND, questo il nome della giornata, che è stata realizzata grazie ai contributi comunitari per il rilancio del POR-FESR, ha racchiuso in una giornata ben tre diversi eventi, ognuno ben diverso dall’altro.
A partire dalle ore 15.00 c’è stato il carnevale dei bambini, con attività di animazione per i più piccoli, il raduno delle veste e delle 500 e alla fine un premio per la maschera più bella. Alle 18.00 è poi partito il secondo evento: l’inaugurazione della nuova casa comunale alla presenza del presidente della Provincia Sabattini e della presidente dell’assemblea regionale Costi. Questa parentesi istituzionale, arricchita dal plastico di quello che sarà lo stabilimento GAMBRO di Medolla del futuro, ha sancito un vero e proprio punto di svolta nella vita dell’amministrazione comunale del paese, che dopo quasi due anni tra tende e container torna finalmente in una struttura di mattoni e sotto un unico tetto. La terza fase della giornata, quella conclusiva, è iniziata immediatamente al termine dell’inaugurazione, e ha portato colori, balli e musica per le strade del centro fino a notte fonda, con le esibizioni di artisti del calibro dei BorghiBros, Fré Monti, Melica Band, Happy Dance, Ars Movendi e perfino un gruppo di ballerine brasiliane direttamente dal carnevale di Rio.

 

Ecco un estratto del comunicato del sindaco Filippo Molinari:

“Siamo molto felici di essere in qualche modo ritornati a casa in una bellissima e confortevole struttura che sicuramente facilita il nostro lavoro quotidiano e la fruizione dei servizi da parte dei cittadini. Abbiamo lavorato per quasi due anni in condizioni proibitive, ma era giusto dare priorità alla riapertura dei servizi alla persona e all’avvio della ricostruzione privata, civile ed industriale. Ringrazio tutti coloro hanno contribuito a questa bella Casa Comunale e in particolare i dipendenti comunali che hanno lavorato ininterrottamente in condizioni di disagio.

 In oltre un anno e mezzo di lavoro, infatti, l’Amministrazione comunale ha restituito alla comunità le scuole primaria e secondaria di primo grado, ripristinate post sisma e rinforzate localmente e attive già dall’8 ottobre 2012, i cimiteri ad esclusione della parte storica di Camurana, il Centro Culturale, la sede dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord e la sede dell’Avis comunale. Con il nuovo municipio sono invece 4 le nuove strutture che ampliano e riqualificano i servizi cittadini, ovvero il Polo Scolastico 0-6 anni donato dalla ONLUS Rock No War, le Microresidenze assistite frutto della generosità di Mediafriends e Resto del Carlino e oggi gestite da ASP, il PalaMedolla concretizzato in partnership con UISP e diversi donatori (tra cui Radio Bruno e ACI).

Per festeggiare l’evento e la rinascita del centro di Medolla, il 29 Marzo la città si trasforma in Medolland, un paese in festa; un segnale di rinascita e di speranza perché la ricostruzione passa anche da un riappropriarsi degli spazi pubblici e dal vederli finalmente liberi dalle macerie e dal ricordo di quei terribili eventi”.

Galleria fotografica: